Come risparmiare sul mutuo: consigli utili

0
316
Come risparmiare sul mutuo

Ottenere un mutuo per l’acquisto della propria casa rappresenta un passo significativo ma che può rivelarsi anche molto complesso.

 

Infatti, quando si tratta di mutui, bisogna considerare come ci siano diverse banche che li offrono e per questo è necessario richiedere anche più preventivi per riuscire a scegliere quale sia il finanziamento più vantaggioso.

 

Dunque, per risparmiare è essenziale in primo piano armarsi di pazienza e andare alla ricerca delle giuste informazioni, partendo dal comprendere a quanto può ammontare la rata e quale sarà il tasso che si andrà a pagare, ad esempio se scopri su questo sito come si calcola la rata del mutuo otterrai dei vantaggi nel comprendere quale sia il finanziamento che più ti permetterà di ottenere un risparmio tra quota capitale ricevuta e interessi da corrispondere.

 

Ecco allora in questa guida cinque consigli pratici che ti permettono di valutare in modo ottimale quali sono le proposte di mutuo e che al contempo ti danno la possibilità di risparmiare significativamente sul mutuo per l’acquisto di un’abitazione.

 

La scelta dello spread: un fattore decisivo

 

Nel contesto dei mutui, lo spread si configura come il margine di guadagno che l’istituto di credito applica oltre al tasso di interesse base. Questa componente, fissa per tutta la durata del finanziamento, si aggiunge all’Euribor per i mutui a tasso variabile o all’Eurirs per quelli a tasso fisso, determinando il costo effettivo del prestito.

 

La valutazione accurata dello spread, quindi, assume un ruolo cruciale, poiché incide direttamente sul volume degli interessi da restituire. Effettuare un confronto dettagliato tra le diverse offerte bancarie, selezionando quella con lo spread minore e le condizioni più favorevoli, permette di ottimizzare il costo totale del mutuo.

 

Il valore del TAEG nella comparazione dei mutui

 

Il Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) emerge come uno strumento indispensabile nella valutazione comparativa dei diversi mutui. Incorporando tutti i costi associati al finanziamento – dagli interessi alle spese accessorie, comprese le tariffe di perizia e di gestione – il TAEG fornisce una visione complessiva e trasparente del costo reale del mutuo.

 

Un’analisi basata su questo indicatore consente di identificare l’opzione economicamente più vantaggiosa, garantendo che il tasso applicato rimanga conveniente per l’intera durata del finanziamento e non solo nelle fasi iniziali.

 

Cautela verso i prodotti finanziari ibridi

 

I mutui ibridi, che includono formule variabili con Cap o soluzioni a tasso misto, si distinguono per la loro apparente versatilità. Tuttavia, queste opzioni possono nascondere costi aggiuntivi o applicare spread superiori rispetto alle formule tradizionali, influenzando negativamente il costo complessivo del finanziamento. È quindi essenziale analizzare con attenzione vantaggi e svantaggi di tali proposte, valutando l’attuale scenario dei tassi di interesse e le proprie aspettative future, per evitare decisioni che potrebbero rivelarsi economicamente svantaggiose.

 

Benefici delle agevolazioni fiscali sulla prima casa

 

Le agevolazioni fiscali destinate all’acquisto della prima casa rappresentano un’importante leva per la riduzione dei costi del mutuo. La possibilità di detrarre dall’Irpef il 19% degli interessi passivi, fino a un massimo di 4.000 euro annui, può tradursi in un risparmio significativo.

 

Questa però non è l’unica agevolazione, infatti, per i giovani in genere si possono trovare mutui a tasso agevolato, concessi anche con Garanzia dello Stato, andando così ad abbattere in modo considerevole i costi legati agli interessi sul mutuo.

 

Inoltre, è possibile ottenere, se si ha meno di 36 anni, la possibilità di accedere a delle agevolazioni sui costi del notaio, un altro punto a favore per chi sta comprando per la prima volta una casa.

 

È pertanto raccomandato verificare con attenzione i criteri di accesso a tali benefici, valutando come questi possano influire sulla sostenibilità economica dell’investimento immobiliare.

 

L’importanza di un profilo creditizio “pulito”

 

L’assunzione di nuovi debiti o finanziamenti nell’imminenza della richiesta di un mutuo può avere ripercussioni negative sulla valutazione del proprio profilo creditizio da parte delle banche. Gli istituti di credito, infatti, esaminano scrupolosamente il rapporto tra i debiti in essere e le entrate del richiedente, per verificare la sua capacità di assolvere al nuovo impegno finanziario.

 

Mantenere un profilo economico quanto più libero da altri oneri pregressi migliora le possibilità di ottenere il mutuo a condizioni favorevoli, evitando che l’accumulo di debiti pregiudichi l’accesso al finanziamento desiderato.

 

Risparmiare sul mutuo richiede un approccio attento e informato. La scelta del finanziamento giusto implica non solo la valutazione dello spread e del TAEG ma anche un’attenta considerazione delle proprie esigenze a lungo termine e delle opportunità di risparmio offerte dalle normative vigenti.